DOCKS BRUXSEL

Il progetto

  • Location Belgio
  • Anno 2018/2019
  • Studio Art & Build Architect
  • Photo Credits George De Kinder

Comprende zone commerciali, aree produttive, uffici e servizi pubblici, tra cui un museo. Complessivamente, il nuovo quartiere Docks Bruxsel – ridefinito su progetto di Art & Build Architect – si estende su oltre 60 mila m2 di superficie (di cui 44 mila circa commerciali), ospitando oltre 120 negozi e ristoranti, otto cinema, un grande parco avventura e numerose aree per attività ricreative e per l’infanzia. L’intero spazio aperto è definito da una rete di strade, piazze e spazi per il tempo libero, la maggior parte dei quali coperti da un grande tetto in vetro di circa 10 mila m2. L’impianto urbano si articola attorno a una passeggiata pedonale posta in asse tra i due livelli principali di negozi: uno tra i fabbricati che si affacciano sul canale di Willebroeck, l’altro sul prospiciente viale Lambermont. Il progetto architettonico e paesaggistico fa ampio ricorso a strumenti di intervento eco-sostenibili, basati sulle risorse naturali: l’acqua del canale, i tetti verdi dotati di pannelli fotovoltaici, gli spazi di percorrenza privi di barriere, il recupero di energia per il riscaldamento dal vicino inceneritore.

Sul piano espressivo e tecnologico, l’intervento ha ricercato la massima armonia con l’architettura dei fabbricati esistenti, soprattutto attraverso la valorizzazione delle qualità dei materiali. I riferimenti al passato industriale, in particolare, hanno favorito un uso esteso dell’acciaio, a volte perforato – come nelle griglie di ventilazione sugli spazi commerciali o nella facciata a doppia pelle dell’edificio per uffici), a volte pre-ossidato (i grandi vasi per le piante). Altrettanto sfruttato lo zinco, impiegato soprattutto per una nuova trama di facciata pre-patinata, a evocare il classico disegno dei tetti parigini.

Testo di Guido Musante - a cura di Domus

Docks Bruxsel: Foto 1

Prodotto utilizzato

Per definire il carattere degli interni recitano invece un ruolo determinante le superfici in gres porcellanato X-Beton, nelle varianti Dot 50 e Dot 70, prodotte da Cotto d’Este e posate su una superficie di oltre 4.000 m2.

Queste piastrelle dal grande spessore – 14 mm – offrono una resistenza al carico di rottura eccezionale e sono ideali per essere posate in luoghi a elevati flussi pedonali. Simili caratteristiche sono ottenute grazie a materie prime purissime e a uno speciale processo di vetrificazione, che garantisce anche una particolare brillantezza alla superficie e resistenza al gelo. L’accordo cromatico tra il gres porcellanato e i materiali industriali impiegati nel progetto, ma anche il carattere urbano dell’intervento, è stato definito sulla base di una specifica scala di grigi, in particolare declinando due tonalità: un grigio medio e uno più scuro.

Testo di Guido Musante - a cura di Domus

Docks Bruxsel: Foto 3
x-beton---dot-50 x-beton---dot-50

X-Beton - DOT 50

I formati impiegati per la posa del progetto sono:

  • 60x120 cm
Scopri la collezione
x-beton---dot-70 x-beton---dot-70

X-Beton - DOT 70

I formati impiegati per la posa del progetto sono:

  • 60x60 cm
Scopri la collezione
Docks Bruxsel: Foto 11
CERAMIC ARCHITECTURE 2020
Sfoglia la pubblicazione dedicata al progetto
download

Altri progetti in evidenza

}

Seguici sui social

facebook twitter/cottodeste instagram/cottodeste pinterest/cottodeste youtube/cottodeste linkedin/cottodeste

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Informiamo che in questo sito sono utilizzati “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche “cookies di analisi” per elaborare statistiche e “cookies di terze parti”. Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l’informativa estesa Clicca qui
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies