DOCKS BRUXSEL

Location
Belgio
Anno
2018/2019
Studio
Art & Build Architect
Photo Credits
Georges De Kinder

IL PROGETTO

  • Location Belgio
  • Anno 2018/2019
  • Studio Art & Build Architect
  • Photo Credits Georges De Kinder

Comprende zone commerciali, aree produttive, uffici e servizi pubblici, tra cui un museo. Complessivamente, il nuovo quartiere Docks Bruxsel – ridefinito su progetto di Art & Build Architect – si estende su oltre 60 mila m2 di superficie (di cui 44 mila circa commerciali), ospitando oltre 120 negozi e ristoranti, otto cinema, un grande parco avventura e numerose aree per attività ricreative e per l’infanzia. L’intero spazio aperto è definito da una rete di strade, piazze e spazi per il tempo libero, la maggior parte dei quali coperti da un grande tetto in vetro di circa 10 mila m2. L’impianto urbano si articola attorno a una passeggiata pedonale posta in asse tra i due livelli principali di negozi: uno tra i fabbricati che si affacciano sul canale di Willebroeck, l’altro sul prospiciente viale Lambermont. Il progetto architettonico e paesaggistico fa ampio ricorso a strumenti di intervento eco-sostenibili, basati sulle risorse naturali: l’acqua del canale, i tetti verdi dotati di pannelli fotovoltaici, gli spazi di percorrenza privi di barriere, il recupero di energia per il riscaldamento dal vicino inceneritore.

Sul piano espressivo e tecnologico, l’intervento ha ricercato la massima armonia con l’architettura dei fabbricati esistenti, soprattutto attraverso la valorizzazione delle qualità dei materiali. I riferimenti al passato industriale, in particolare, hanno favorito un uso esteso dell’acciaio, a volte perforato – come nelle griglie di ventilazione sugli spazi commerciali o nella facciata a doppia pelle dell’edificio per uffici), a volte pre-ossidato (i grandi vasi per le piante). Altrettanto sfruttato lo zinco, impiegato soprattutto per una nuova trama di facciata pre-patinata, a evocare il classico disegno dei tetti parigini.

Testo di Guido Musante - a cura di Domus

Docks Bruxsel: Foto 7

PRODOTTO UTILIZZATO

Per definire il carattere degli interni recitano invece un ruolo determinante le superfici in gres porcellanato X-Beton, nelle varianti Dot 50 e Dot 70, prodotte da Cotto d’Este e posate su una superficie di oltre 4.000 m2.

Queste piastrelle dal grande spessore – 14 mm – offrono una resistenza al carico di rottura eccezionale e sono ideali per essere posate in luoghi a elevati flussi pedonali. Simili caratteristiche sono ottenute grazie a materie prime purissime e a uno speciale processo di vetrificazione, che garantisce anche una particolare brillantezza alla superficie e resistenza al gelo. L’accordo cromatico tra il gres porcellanato e i materiali industriali impiegati nel progetto, ma anche il carattere urbano dell’intervento, è stato definito sulla base di una specifica scala di grigi, in particolare declinando due tonalità: un grigio medio e uno più scuro.

Testo di Guido Musante - a cura di Domus

Docks Bruxsel: Foto 9
x-beton---dot-50 x-beton---dot-50

X-Beton - DOT 50

I formati impiegati per la posa del progetto sono:

  • 60x120 cm
Scopri la collezione
x-beton---dot-70 x-beton---dot-70

X-Beton - DOT 70

I formati impiegati per la posa del progetto sono:

  • 60x60 cm
Scopri la collezione
Docks Bruxsel: Foto 11
CERAMIC ARCHITECTURE 2020
Sfoglia la pubblicazione dedicata al progetto
download

Altri progetti in evidenza

Seguici sui social

facebook instagram/cottodeste pinterest/cottodeste youtube/cottodeste linkedin/cottodeste

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscrivendoti alla newsletter riceverai esclusive promozioni dedicate.

Informiamo che in questo sito sono utilizzati “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche “cookies di analisi” per elaborare statistiche e “cookies di terze parti”. Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l’informativa estesa Clicca qui
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies