Non solo pavimenti: Cotto d’Este e lo spazio architettonico

Nelle opere architettoniche, così come nella scultura, lo spazio si sviluppa in maniera tridimensionale. In entrambi i casi, per osservare l’opera nella sua interezza, è necessario che l’osservatore cambi diverse volte il suo punto di vista.

L’impossibilità di avere una visione simultanea di tutto un edificio, e anche del suo interno e del suo esterno, fa leva sulla memoria dell’osservatore, che nella sua testa ‘ricostruisce’ le varie angolazioni percepite.

Il rapporto tra interno ed esterno e tra le superfici bidimensionali e quelle tridimensionali diventano quindi gli strumenti per la comprensione dell’intera opera.

All’interno di questa visione costruttiva, la possibilità di utilizzare il materiale ceramico sia negli interni che a livello strutturale, sia per i rivestimenti e le superfici piane che sui volumi, si presta a differenti utilizzi progettuali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Seguici sui social

facebook twitter/cottodeste instagram/cottodeste pinterest/cottodeste youtube/cottodeste linkedin/cottodeste

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Informiamo che in questo sito sono utilizzati “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche “cookies di analisi” per elaborare statistiche e “cookies di terze parti”. Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l’informativa estesa Clicca qui
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies